skipnavigation

 

Nuova ricerca di Carlson Wagonlit Travel: tre viaggiatori d’affari su dieci valutano i programmi fedeltà degli hotel più della sicurezza  

  

Milano, 31 Maggio 2018: Tre viaggiatori d’affari su dieci nel mondo sono disposti a sacrificare la propria sicurezza per guadagnare punti nei programmi fedeltà delle catene alberghiere, secondo la ricerca commissionata da Carlson Wagonlit Travel, società globale di gestione dei viaggi d’affari. I viaggiatori americani sono i più inclini a questo comportamento (39%), seguiti dagli europei (34%) e da quelli provenienti dall'Asia Pacifico (28%).

Per quanto riguarda l’Italia, il valore risulta inferiore rispetto alla media europea e tra i più bassi del Vecchio Continente: infatti i viaggiatori d’affari italiani disposti a soggiornare in alberghi meno sicuri pur di ottenere punti fedeltà rappresentano il 29%, una percentuale comunque elevata.  

«Evidentemente, i viaggiatori sono molto concentrati sui loro punti fedeltà degli hotel, farebbero di tutto per ottenere quei benefici - spiega David Falter, President di RoomIt by CWT. - Un modo per rispondere a questa sfida, evitando severe restrizioni, è lasciare che i viaggiatori collezionino punti per prenotazioni in linea con la policy».

Cosa fa sentire i viaggiatori d'affari insicuri negli hotel?

Quasi uno su tre (30%) dei viaggiatori d'affari dell'Asia Pacifico ha espresso preoccupazioni per la sicurezza negli hotel. Tale percentuale si riduce al 27% per i viaggiatori provenienti dall’America e al 23% per i viaggiatori europei, mentre si attesta al 28% per quelli italiani.
Alla domanda su cosa li fa sentire insicuri, esattamente la metà dei viaggiatori intervistati a livello globale ha dichiarato di preoccuparsi che un intruso possa entrare nella loro camera d'albergo.
Quattro viaggiatori su dieci hanno affermato di temere che il personale dell'hotel dia inavvertitamente la chiave della loro camera o informazioni a un estraneo (41%) o di subire disagi causati dalle azioni di altri ospiti (40%). Un terzo degli intervistati, infine, ha identificato gli incendi (36%) e gli attacchi terroristici (33%) come cause della loro preoccupazione.

Se guardiamo nello specifico all’Italia, la percentuale di viaggiatori d’affari che teme una possibile intrusione da parte di estranei durante il soggiorno sale al 59%, risultando la preoccupazione più diffusa tra i nostri connazionali. Seguono il timore di attacchi terroristici (36%), del rilascio involontario della chiave ad estranei (33%), di disagi derivanti da altri ospiti (32%) e di incendi (30%). La sicurezza in hotel è inoltre legata per il 39% dei viaggiatori italiani intervistati alla posizione dell’hotel.  

Quali precauzioni prendono i viaggiatori per stare al sicuro negli hotel?

Come immaginabile, la stragrande maggioranza dei viaggiatori (75%) ha dichiarato che una delle misure prese per stare al sicuro è tenere la porta della camera chiusa a chiave in ogni momento.

«La maggior parte delle porte delle camere d'albergo si blocca automaticamente, ma il mercato offre anche una serie di soluzioni che possono assicurare livelli ulteriori di sicurezza - ha spiegato Falter. - Articoli come cunei fermaporta, chiavistelli portatili e allarmi da viaggio per porte possono aiutare un viaggiatore a proteggere la propria stanza in modo più efficace».

Più di un terzo dei viaggiatori intervistati (37%) ha dichiarato di rimuovere la chiave della stanza dal suo astuccio, in modo che le persone non possano collegare la chiave al numero della stanza. I viaggiatori provenienti dall’America (42%) sono più propensi a farlo rispetto a quelli provenienti da altre regioni. Un'altra tattica, adottata dal 30% dei viaggiatori a livello globale e dal 35% in Asia Pacifico, è quella di mettere il cartello ''non disturbare'' sulla porta quando escono dalla stanza.
I viaggiatori credono anche che il piano in cui si trovano possa influire sulla loro sicurezza. Quasi un quarto degli intervistati (25%) preferisce optare per un piano più alto quando possibile, mentre il 15% sceglie un piano più basso. Circa un viaggiatore su cinque (il 21%) ha dichiarato di voler evitare di soggiornare al piano terra.

«Gli esperti di sicurezza generalmente consigliano di stare tra il terzo e il sesto piano, dove diventa difficile irrompere per un intruso, ma si è ancora in grado di raggiungere la maggior parte delle scale antincendio» ha aggiunto Falter.

Carlson Wagonlit Travel

Aziende e istituzioni si affidano a noi per le trasferte del loro personale. Offriamo ai viaggiatori un'esperienza di viaggio simile a quella che vivono in ambito consumer, combinando le tecnologie più innovative con la nostra vasta esperienza. Ogni giorno ci prendiamo cura di un numero di viaggiatori tale da poter riempire quasi 200 Boeing 747 e circa 100.000 camere d'albergo e gestiamo 95 eventi aziendali. Abbiamo oltre 18.000 collaboratori, in circa 150 Paesi, e nel 2016 abbiamo registrato un volume di traffico complessivo di 23 miliardi di dollari. Per ulteriori informazioni seguici sui nostri profili LinkedIn e Twitter.    

 

RoomIt by CWT

RoomIt by CWT è una divisione di Carlson Wagonlit Travel, leader consolidato nel business travel. RoomIt offre ai viaggiatori le camere, le tariffe, i servizi e i programmi fedeltà che desiderano, aiutando le aziende a tenere sotto controllo i budget e a migliorare la loro visibilità sulla spesa travel.

Carlson Wagonlit Travel

Aziende e istituzioni si affidano a noi per le trasferte del loro personale. Offriamo ai viaggiatori un'esperienza di viaggio simile a quella che vivono in ambito consumer, combinando le tecnologie più innovative con la nostra vasta esperienza. Ogni giorno ci prendiamo cura di un numero di viaggiatori tale da poter riempire quasi 200 Boeing 747 e circa 100.000 camere d'albergo e gestiamo 95 eventi aziendali. Abbiamo oltre 18.000 collaboratori, in circa 150 Paesi, e nel 2016 abbiamo registrato un volume di traffico complessivo di 23 miliardi di dollari. Per ulteriori informazioni seguici sui nostri profili LinkedIn e Twitter.    

 

RoomIt by CWT

RoomIt by CWT è una divisione di Carlson Wagonlit Travel, leader consolidato nel business travel. RoomIt offre ai viaggiatori le camere, le tariffe, i servizi e i programmi fedeltà che desiderano, aiutando le aziende a tenere sotto controllo i budget e a migliorare la loro visibilità sulla spesa travel.

La ricerca

Il CWT Safety & Security Study è stato ideato da Carlson Wagonlit Travel e condotto da Artemis Strategy Group tra il 29 gennaio e il 9 febbraio 2018. L'indagine ha coinvolto oltre 2.000 viaggiatori d'affari provenienti dal Nord e SudAmerica (Brasile, Canada, Cile, Messico e Stati Uniti), Europa (Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia e Regno Unito) e APAC (Australia, Cina, India, Giappone, Singapore e Corea del Sud). Per poter partecipare allo studio, i viaggiatori d’affari dovevano aver fatto più di quattro trasferte nei 12 mesi precedenti.

Carlson Wagonlit Travel

Aziende e istituzioni si affidano a noi per le trasferte del loro personale. Offriamo ai viaggiatori un'esperienza di viaggio simile a quella che vivono in ambito consumer, combinando le tecnologie più innovative con la nostra vasta esperienza. Ogni giorno ci prendiamo cura di un numero di viaggiatori tale da poter riempire oltre 260 Boeing 787 e 100.000 camere d'albergo e gestiamo 105 eventi aziendali. Operiamo in circa 150 Paesi, e nel 2017 abbiamo registrato un volume di traffico complessivo di oltre 23 miliardi di dollari. Per ulteriori informazioni seguici sui nostri profili LinkedIn  Twitter e Facebook

RoomIt by CWT

RoomIt by CWT è una divisione di Carlson Wagonlit Travel. La tecnologia e disponibilità di dati di RoomIt offre un unico punto di accesso a tutte le camere, tariffe, servizi, programmi fedeltà e funzionalità necessarie per migliorare l'esperienza di viaggio. La sua distribuzione universale garantisce che tutte le offerte alberghiere siano accessibili attraverso tutti i canali di prenotazione. Il programma Loyalty Booster di RoomIt favorisce la compliance, offrendo ai viaggiatori punti e miglia come incentivo quando effettuano prenotazioni in linea con la policy aziendale.

Artemis Strategy Group (www.artemissg.com)
Artemis Strategy Group è una società di ricerca e comunicazione specializzata in posizionamento di marca, studi di pensiero e temi legati alla policy.

 

 

Media Contact:                            

Sasa Carpaneda
Carlson Wagonlit Travel
+39 02 62543709 - 335 7999425
scarpaneda@carlsonwagonlit.it

Alistair Hammond
Global Director of Media Relations
T: +44 203 353 1454/M: +44 771 773 0441
alistair.hammond@carlsonwagonlit.com